Cibo e sostenibilità

Un’alimentazione sostenibile non è altro che una dieta a base di cibo buono, pulito e giusto.

Per cibo buono s’intende sano, salutare per il corpo. Si può parlare di cibo buono e sano anche quando è coerente con i valori che rappresenta e con la diversità delle culture. Il cibo pulito viene prodotto nel rispetto della Terra ed è anche giusto quando viene commercializzato nel rispetto degli uomini. Parlare di sostenibilità significa parlare innanzitutto di rispetto per la natura, per l’uomo, per l’ecosistema e la biodiversità, per la cultura e le tradizioni. Per mangiare in modo davvero sostenibile, dobbiamo guardarci indietro, per conoscere da dove proveniamo e qual è la nostra storia. 

Applicando la sostenibilità in campo alimentare possiamo dire in poche parole, che un’alimentazione sostenibile prevede il consumo di prodotti a basso impatto ambientale e una produzione che non forzi la mano alla natura. In termini di quantità i risultati saranno sicuramente inferiori, ma ne guadagnerà la qualità di ciò che mettiamo sulle nostre tavole e nelle nostre pance. Imprescindibile per un’alimentazione sostenibile è l’attenzione ai bisogni locali con la valorizzazione del territorio e la riscoperta delle antiche tradizioni culinarie

La dieta mediterranea è la sintesi perfetta di una alimentazione sostenibile.

Sembra una cosa difficile da fare ma se vogliamo, potremmo affermare che la maggior parte di noi ha già inconsapevolmente adottato un’alimentazione sostenibile, semplicemente perché la dieta mediterranea, Patrimonio dell’Unesco, ne è la perfetta sintesi! Per cultura noi italiani seguiamo tutti o quasi, la dieta mediterranea, che è varia e che prevede il consumo abbondante di cereali, legumi, frutta e verdura fresca e di stagione, olio extravergine d’oliva mentre è più moderato il consumo di carne e di pesce. 

Riassumendo, per mangiare in modo sostenibile, cioè in maniera sana e rispettosa della natura, prendiamo in prestito le parole del guru dell’alimentazione sana Michael Pollan che dice, non mangiare nulla che tua nonna non riconoscerebbe come cibo” .  Noi di Cibozero aggiungiamo che sarebbe auspicabile in un prossimo futuro, privilegiare una cucina più semplice, fatta di prodotti genuini, possibilmente acquistati vicino a noi.  

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contenuti del post

Rimani sempre aggiornato

Iscriviti alla nostra newesletter, ricevereai contenuti in esclusiva e ricette settimanali.